Lar - casa che accoglie

lar-casa-che-accoglie

DOVE: Pemba, Mozambico
CHI: bambine e ragazze    
SETTORE: educazione
OBIETTIVO: garantire le pari opportunità attraverso l’istruzione
COSTO: circa € 9.000 ogni anno
PARTNER E FINANZIATORI: sostenuto da SOLE attraverso: sostegno a distanza, bomboniere solidali e altre iniziative. Anche grazie ad un generoso appoggio della Diocesi di Torino, nel 2016 siamo riusciti a raddoppiare il numero delle ragazze sostenute portandolo a 30 .  Il Lar è gestito e diretto dalle Suore Mercedarie.
DURATA: iniziato nel 2015/ in corso
PERCHE’: il Lar Maria do Refugio è stato pensato per sole ragazze, perché in Mozambico la principale causa di morte, tra ragazze dai 14 ai 18 anni, è il parto. Focalizzando l’attenzione sull’istruzione e la formazione femminile, non solo si evita un matrimonio prematuro, ma si da la possibilità a queste ragazze di crescere rispettando i tempi della vita e coltivando studi e interessi. L’educazione infantile è affidata prevalentemente alla donna. Questo significa che l’istruzione femminile porta benefici diretti sullo sviluppo socio-economico del villaggio che può contare su donne, nonché educatrici e madri, più forti, istruite e in salute.
PROGETTO: Lar significa focolare, famiglia. È questo il significato racchiuso all’interno di quello che formalmente viene chiamato convitto, ma che è molto di più. Il Lar Maria do Refugio è a tutti gli effetti una famiglia, il cui obiettivo è quello di fornire un’educazione completa, attraverso cure amorevoli e un ambiente sereno.
Sono una trentina le ragazze ospitate, tutte provenienti da situazioni socio-economiche gravi. L’età è molto diversa e varia da un minimo di 6 anni della più piccola a un massimo di 22.
A queste ragazze è stata data la possibilità di ricevere un’istruzione. Una delle priorità del Lar è proprio questa, quella di permettere di costruirsi un futuro migliore e possedere gli strumenti necessari per affrontare la vita quotidiana, una volta tornate nei rispettivi villaggi.
La sveglia nel Lar è alle 5 del mattino, le ragazze si preparano la colazione e vanno a scuola. Per Suor Ofelia, la madre superiora, che le accompagna nel processo educativo, è fondamentale ricreare un ambiente di vita dignitoso, fornendo strutture adeguate, una sana alimentazione e condizioni igieniche dignitose.
A tutto ciò si aggiunge l’obiettivo di una progressiva autonomia; per questo motivo Suor Ofelia le affianca nelle loro attività quotidiane, lasciando però libertà di scelta alle ragazze,  che si gestiscono i turni delle pulizie dei vari locali e della cucina.  Nel tempo libero costruiscono piccoli manufatti (collane, braccialetti, borse..) che poi vendono per comprarsi libri e vestiti.
Quando le ragazze sono arrivate per la prima volta, Suor Ofelia ha dovuto insegnare loro ad utilizzare le docce e i servizi igienici. Questi gesti, per noi quotidiani e scontati, lì si inseriscono in un progetto che mira alle pari opportunità, per offrire la serenità che ogni ragazza del Mondo dovrebbe avere.

AGGIORNAMENTI

Nel 2018 la congregazione delle Suore Mercedarie riuscirà ad ospitare un gruppo di 31 giovani: 4 bambine tra i 7 e i 10 anni, 17 ragazze tra gli 11 e i 17 anni, 10 con più di 18 anni. Quest’anno hanno accolto nel Lar quattro nuove ragazze: Rosalina, di 15 anni, ha altri 6 fratelli e vive a Pemba in un ambiente domestico molto violento; Mercia di Montepuez, ha 8 anni e altri 5 fratelli e altrettanti cugini di cui la madre si deve occupare, non riuscendo a seguire la crescita di tutti; Marines, che arriva da Mahipa - Ocua un villaggio senza alcuna risorsa e dove non avrebbe avuto alcuna possibilità di studiare; Jordan del villaggio di Meconta, una ragazza orfana, molto timida e che non parla il portoghese e che ha quindi grosse difficoltà nello studio.

Tutte le giovani ospitate hanno una situazione familiare complessa e difficile: nonostante la loro giovane età hanno sulle spalle forti esperienze di vita; la loro infanzia e la loro adolescenza sono volate via.


COME SOSTENERE QUESTO PROGETTO:
è possibile sostenere questo progetto mediante  donazioni volontarie a SOLE Onlus:
Banca Prossima – IBAN IT35 X033 5901 6001 0000 0001 774
Banca Etica – IBAN IT27 S050 1801 0000 0001 1135 258


e con le nostre bomboniere equo-solidali.
PER INFORMAZIONI: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. -  www.soleonlus.org